Vai a sottomenu e altri contenuti

Il Territorio

Aggius situato a 514 metri sul livello del mare, è un tipico paese della Gallura. Il suo abitato sorge ai piedi della seghettata cresta montuosa detta ''Monti di Aggius'', che comprende varie formazioni rocciose: ''Monti di Mezu'' (mt.782), ''Monti Sotza'' (mt. 778), ''Monti Polcu'' (mt. 675), ''Monti di la Cruzi'' (mt. 667), ''Monti Pinna'' (mt. 680) e ''Monti Fraili'' (mt. 645). Il panorama è certamente uno dei più belli della Sardegna: Aggius appare incastonato tra rocce granitiche dalle forme bizzarre, boschi secolari di lecci e sugherete, macchia mediterranea, orti e vigneti.

Fino al 1958, l'antico borgo era il capoluogo di un Comune che comprendeva tutta la vasta zona che dal fiume Coghinas si estendeva sino al rio Vignola. Attualmente, dopo la costituzione dei Comuni di Trinità d' Agultu (1958), di Badesi (1968) e di Viddalba (1975), il territorio comunale si è ridotto più o meno a kmq 82, con una popolazione di circa 1600 abitanti.

L'originaria Piana dei Grandi Sassi, diventata in era turistica Valle della Luna, in località ''Li Parisi'', è una vasta distesa di massi risalenti alle glaciazioni del periodo quaternario, che sono stati arrotondati e lavorati dall'erosione, finendo per avere un aspetto insolito, bizzarro, che ricorda un paesaggio appunto lunare, oppure forme particolari simili a figure di animali e a profili di visi umani, ambiente nel quale si ritrovano le tracce più significative dei primi insediamenti umani. Altra caratteristica del paesaggio aggese è la presenza degli ''Stazzi'', sono questi caratteristici casolari di campagna con annesse stalle e ovili.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto